… fast-food… drive-thru… oh Gesù aiutami tu!

Il primo fast-food da sola.

Vi direte: cosa potrà mai aver combinato?

Sinceramente nulla di tanto strano: se non che ero piegata letteralmente dalle risate e con la vescica che urlava “portami al bagno!!!”.

Tutti gli impiegati accalcati nella finestrina del drive-thru con gli occhi puntati su quella strana creatura.
Sì, hanno ragione, e definirmi strana ai loro occhi significa aver volato basso, non oso immaginare ai loro reali pensieri.

E’ certo che quando hanno iniziato il turno non hanno assolutamente pensato che alle 8pm di una normalissima domenica sera avrebbero assistito a cotanta “stranezza”.

Bando alle ciance adesso vi racconto i fatti.

Una domenica pomeriggio, durante le mie due orette d’aria (definisco così il tempo che mi permetto fuori casa senza figli) avevo deciso di andare a vedere un grosso negozio (Fred Meyer a Totem Lake), nella strada per arrivare ho notato un fast-food: Wendy (come il McDonald) e siccome c’era il drive-thru (come al Mc di Pantigliate) ho pensato che avrei vissuto la “serata” all’insegna della novità.

Come potrete immaginare l’America è piena di drive-thru (Starbucks, farmacie, lavanderie, ristoranti, banche etc.) mi giudico una capace di utilizzarlo anche se a volte trovo difficoltà con le ordinazioni!!!

Comunque, indirizzo la macchina nella corsia dedicata che fa il giro della costruzione e comincio a dare un’occhiata al menù, decido per un combo: hamburger con bacon+french-fries and a diet coke with no ice.

Registro bene in mente il numero del mio menù e faccio partire la macchina alla volta della colonnina per l’ordine vocale, tutta sicura di me ordino e ringrazio, tutto fila liscio, il tipo capisce bene e non ho bisogno di sporgermi dalla macchina ed alzare la voce per cercare di farmi capire!!!

Avvio di nuovo la macchina alla volta del secondo step che è quello del pagamento, prendo la carta di credito, la porgo al tipo della finestrella, me la restituisce, la prendo, l’appoggio sul sedile metto su automatico e faccio partire la macchina alla volta del terzo ed ultimo step che è il ritiro… lì per lì non realizzo che davanti a me non ci sono macchine in fila e che non ci sono più finestre dove fermarsi però penso subito che il ritiro è subito dietro l’angolo… ma, come giro… non c’è nulla… non ci sono più finestre… finito!!!

Ed è qui che mi sono messa a ridere come una pazza a pensare alla figura che avevo fatto, la prima Belli della storia che paga e scappa senza la merce!!!

Mentre mi facevo coraggio e avviavo la macchina di nuovo nella corsia del drive-thru ho seriamente pensato di andarmene e basta, forse era meno imbarazzante fuggire!

Ma poi, da brava italiana attaccata al denaro, ho detto “col piffero che me ne vado senza cena” e con la faccia color bordeaux mi sono diretta alla finestra ed è lì che ho visto almeno 4 visi e quindi 8 occhi tutti puntati su di me, tutti curiosi di vedere quale fosse quello strano essere.

Morale: se proprio volete scappare dopo aver pagato senza la refurtiva, almeno pagate cash non con la carta di credito!!!